oggi è  

 

 

 

                        

 

home   cos'è   corsi   video   dov'è   stage   contatti   orari    foto   proposte   eventi   newsletter   convenzioni  cerca social   link

 

corsi per 

gli adulti

 

danza

contemporanea 

Francesca Mosele

 

danza

contemporanea

Silvia Bertoncelli  

 

danza sensibile 

Francesca Mosele

 

tango argentino

Margarita Klurfan

Argentina

 

danza del ventre

Vaganova asd

Zhannat Akhmetova

Kazakistan

 

danza afro

Ania Tonelli

Associazione Anta Luma

 

Pilates®

Luca lo Chiano

 

Feldenkrais®

Raffaella Dalla Valle

 

thai chi chuan

Alessandro Manenti

Associazione Longquannei

 

yoga integrale

Emiliano Neri

Yoga Parsifal Academy

 

danza dolce

per la terza età

Francesca Mosele

 

Gyrokinesis®

Irene Venturini

Oltredanza, danza contemporanea cos'è

DANZA CONTEMPORANEA

Cos'è la danza contemporanea?

Non è facile dare una risposta a questa domanda! La danza contemporanea è qualcosa di difficilmente 'classificabile' e definibile in modo chiaro e univoco. festa di Oltredanza a villa Buri, Verona 8 giugno 2010Evoluzione della Danza Moderna, in particolare dei tre grandi caposcuola Josè Limòn, Merce Cunningham e Martha Graham e dei loro allievi diretti, il quadro della Danza Contemporanea è in continuo divenire. I riferimenti alla danza classica si perdono, si confondono e si intrecciano con quelli di moltissime altre discipline (arti marziali, danze etniche, pratiche meditative, tecniche quali il metodo Feldenkrais o l'Alexander...).

Sono numerosissime le ramificazioni di questa danza. In un quadro assai variegato e mai definitivo, la cifra stilistica di ogni insegnante e coreografo è in relazione alle caratteristiche personali e alla ricerca che ognuno di essi fa nell'apertissimo campo del movimento danzato.

festa di Oltredanza a villa Buri, Verona 8 giugno 2010Una delle caratteristiche essenziali della danza contemporanea è la sua duttilità, la sua apertura nel ricercare in ogni direzione. Il linguaggio che ne deriva è estremamente vario, multiforme; si avvicina talvolta al teatro e alla sua essenzialità del gesto, altre volte approda invece a soluzioni di movimento complesse e sorprendenti. Un'altra caratteristiche è quella di rifuggire in genere dal virtuosismo fine a se stesso: la danza è al servizio del comunicare e del sentire, del creare suggestioni ed evocare immagini, ricercando una relazione non stereotipata ma originale fra forma e contenuto.


Danza contemporanea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

La danza contemporanea nasce in Europa e negli Stati Uniti dopo la Seconda guerra mondiale. Prosegue la rivoluzione attuata dalla danza moderna a favore di nuove espressioni corporee, che talvolta comprendono anche la recitazione.
Dalla nascita della nuova danza non ci saranno più nette classificazioni tra i generi, ma tutta l’energia creativa sarà focalizzata sull’unico obiettivo di comunicare.
La contemporaneità è un luogo caratterizzato dalla contaminazione, dal melting pot, dalla presenza di più elementi che si fondono insieme per dare come risultato qualcosa di nuovo. Anche per le nuove forme coreografiche accade questo, ma non soltanto in ambito coreutico. Già dai primi anni settanta, infatti, le collaborazioni più disparate tra le varie forme artistiche danno vita a delle performance che poi entreranno a far parte a tutto titolo nella storia della danza come pilastri del cambiamento in atto. La collaborazione più celebre, forse, è quella tra il coreografo Merce Cunningham ed il musicista John Cage, ma anche Alwin Nikolais con le sue sperimentazioni elettroniche al sintetizzatore, Trisha Brown con le sue performance con videocamere e "robottini" meccanici.
Il libro di Doris Humprey, The art of making dances, scritto poco prima della sua morte, nel 1958, già contiene in sé molte delle domande a cui poi la ricerca degli anni successivi cercherà di dare delle risposte: la necessità di una motivazione profonda dalla quale il movimento possa nascere, l’utilizzo dello spazio scenico, la musica del corpo, e molto altro ancora. Un testo che precede la vera e propria nascita della danza contemporanea, ma di cui già se ne percepisce l’odore.
L’introduzione della tecnologia all’interno della creazione coreografica, che via via negli ultimi trent’anni si è fatta sempre più strada, ha aperto nuove possibilità e proprio in questo momento sta raggiungendo un ottimale livello di integrazione con la scena. Questo è stato possibile solo grazie all’importante eredità lasciata da chi ha cominciato per primo a ricercare su questa strada, che oggi è percorsa da molti. In molte creazioni contemporanee infatti possiamo vedere la presenza di video, interazione con i software, musica elettronica, proiezioni.
A seconda della storia del territorio in cui la danza contemporanea si sviluppa, la ricerca si concentra su aspetti diversi. In America per esempio la ricerca si è molto concentrata sul corpo, avvalendosi anche di pubblicazioni importanti, come il celebre testo The thinking body, di Mabel Todd, originariamente pubblicato nel 1937, un classico dello studio della psicologia umana e dell’effetto dei processi mentali sul movimento. Testi che hanno aiutato i ricercatori della danza a riscoprire un modo diverso di muovere il corpo. La compagnia di Merce Cunningham è stata una fucina di menti brillanti, oltre che di ottimi danzatori, che hanno dato moltissimo allo sviluppo della danza contemporanea: bisogna sicuramente ricordare l’incredibile lavoro sul corpo di Trisha Brown, che gettò le basi per quella che oggi viene chiamata Release technique. O anche il prezioso lavoro di Steve Paxton per la creazione della Contact improvisation, che possiamo datare nel 1972, praticata ancora oggi da molti danzatori nel mondo.
In Europa si sviluppa una ricerca che nutre un’attenzione maggiore alla drammatizzazione, alla storia. Questa attenzione ha dato vita ad esempio al Tanztheater della coreografa tedesca Pina Bausch, che ha creato un vero e proprio genere nel quale la danza e il teatro divengono una cosa sola, moltiplicando i canali comunicativi e toccando corde sottili e profonde della condizione umana.
In Italia esiste una corrente di pensiero che vuole l’arrivo della danza contemporanea nella città di Torino negli anni ’70, ad opera di Bella Hutter, che fonda il primo centro di ricerca sperimentale della danza.
La danza contemporanea italiana si sviluppa principalmente tra la fine degli anni '70 e la metà degli anni '80, grazie alle figure di Anna Sagna - che costituisce a Torino il Gruppo di Danza Contemporanea Bella Hutter (1970) - e Elsa Piperno, che fondando assieme a Joseph Fontano il Centro professionale di Danza Contemporanea a Roma (1972), ha contribuito notevolmente a formare quelli che negli anni a venire saranno i principali esponenti di questa forma d'arte. Parallelamente al Centro, i due artisti hanno dato vita alla prima compagnia professionale italiana: il Teatrodanza Contemporanea di Roma.
Uno sviluppo notevole della danza contemporanea italiana lo si deve alla figura di
Carolyn Carlson, che posta da Italo Gomez alla direzione del Teatro e Danza La Fenice tra il 1981 e il 1984, ha formato la più interessante generazione di danzatori italiani, tuttora attivi alla direzione delle compagnie da loro istituite: Michele Abbondanza - compagnia Abbondanza/Bertoni; Francesca Bertolli - free lance; Roberto Castello - compagnia Aldes; Roberto Cocconi - compagnia Arearea; Raffaella Giordano e
Giorgio Rossi - Associazione Sosta Palmizi.
Anche il ruolo del danzatore è molto cambiato nella danza contemporanea. Un danzatore emancipato e autore di se stesso, al quale il coreografo lascia molto più spazio creativo rispetto al passato. Molto spesso il coreografo contemporaneo delega al danzatore la creazione di frasi coreografiche, che poi assembla e inserisce in un contesto e in uno spazio. Coreografi come ad esempio Alain Platel non vengono da una formazione coreutica, ma sono assolutamente in grado di utilizzare i materiale coreografici forniti dalla compagnia per costruire straordinarie opere d’arte.
Per fare questo l’improvvisazione diventa uno strumento indispensabile per la creazione coreografica. Una vera e propria tecnica di ascolto del proprio corpo e dell’ambiente, di interazione con altri corpi, grazie alla quale le idee e i concetti possono essere trasferiti al corpo e lì elaborati per realizzare il materiale coreografico che poi verrà inserito nello spettacolo.
Attraverso l’improvvisazione ogni danzatore può sondare le proprie qualità di movimento, e ricercare un proprio specifico linguaggio. Nella danza contemporanea le differenze sono quindi considerate una risorsa inestimabile da assecondare e da approfondire, proprio per far sì che un movimento peculiare possa scaturire da ogni singolo corpo.
La possibilità del danzatore di diventare autore di sè stesso ha stimolato inoltre l'affermazione del 'solo', un luogo in cui il danzatore ha la possibilità di mettere in scena una creazione tutta sua, sondando l'aspetto più intimo del sé, toccando corde profonde del proprio Io e spingendo il corpo verso il proprio limite. Molti coreografi, oltre che creare per le proprie compagnie, si sono misurati con questa forma d'arte, con risultati che sono rimasti negli annali della danza contemporanea.
L’improvvisazione non è utilizzata solo a scopo compositivo, ma trova spazio anche come tecnica performativa. Negli anni ’70 possiamo sicuramente ricordare gli ”happening” , veri e propri eventi nei quali musicisti, pittori, danzatori si riunivano in un luogo per improvvisare insieme.
L’improvvisazione permette di realizzare un evento unico e irripetibile, a cui solo il pubblico presente in quel momento può assistere, e ogni volta che una performance di improvvisazione prende vita è la ricerca che respira nello spazio scenico. Il pubblico viene invitato a scoprire quello che accade nel momento stesso in cui accade.

 

segnala questa pagina sulla tua bacheca di facebook

 

i corsi  orari incontri  blog home  dove  google map  contattaci  le convenzioni   stage  vostri suggerimenti  cerca  hanno collaborato  newsletter 

cos'è    foto, galleria    youtube    webmaster    Oltredanza su google  stage  social   incontri link  + news di danza

web stats

Il sito di Oltredanza non invia cookie nè ne utilizza di terze parti. Se volete potete approfondire la normativa consultando: www.youronlinechoices.com/itvisite

    

google+

Valid Feed RSS 2.0

 

hanno 

collaborato o collaborano:

Walter Cardozo

(Argentina)

Giorgio Gobbi

Elena De Renzio

Zhannat Akhmetova

Denise Rossi

Roberta Claren


news di danza

 

 

hanno collaborato

o collaborano:

Giorgio Rossi

giorgio rossi, foto dal sito sosta palmizi

Antonella Bertoni

 

 

 

 

 

 

Claude Coldy

(Francia)

 

Claude Coldy a Oltredanza, Verona, seminari o stage di danza sensibile

 

 

 

 

 

 

 

Sebastiàn Romero

(Argentina)

Sebastian Romero tango argentino Verona Oltredanza

 

 

 

 

 

 

Marina Silletti

 

 

 

 

 

 

Irene Venturini

Gyrokinesis Irene Venturini

 

 

 

 

 

 

 

Ernesto Da Silva

(Guinea Bissau)

Ernesto Da Silva danza afro percussioni ha collaborato Oltredanza Verona

 

 

 

 

 

 

Karambà Manè

(Senegal)

 

karambà manè danza afro verona Oltredanza

 

 

 

 

 

 

 

Dario Moffa

Dario Moffa tango sensibile

 

 

 

 

 

 

Cristina Martinelli

 

 

 

 

 

 

Riccardo Maffiotti

 

Silvia Vanini Souhir

Yoga 2015 oltredanza Verona con silvia vanini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Verona,  v. Betteloni 43/c   tel. 320 1946130   info@oltredanza.it   facebook

danza· tecniche corporee· arti espressive· artiterapie

 

 

Oltredanza

corsi per bimbi

e ragazzi

danza creativa

Silvia Bertoncelli

 

contemporanea

per bimbi

e ragazzi

Silvia Bertoncelli

danza africana

per bimbi

Ania Tonelli


le convenzioni

abbigliamento

Masport 

Bodyart

Carillon

Il palcoscenico di Luana

Calzature Donna Chic

Annechini valigeria e pelletteria

Pinuccia Intimo

cibo e bevande

Pescheria Gonzato

La Nosetta

Gelateria Verona

Bar Samo

Al Cantuccio

Pizzeria Betteloni

salute e benessere

Lo Chiano - osteopatia e massoterapia

L'erboristeria artigiana

Centro estetica Venus

Ottica  Salvagno

Aerosal clinica del sale

Ricci e capricci

Profumeria Caccia

bimbi

La natura di Satya


blog

i corsi

convenzioni

eventi

foto, galleria

suggerimenti 

orari corsi 

stage 

dove siamo 

google map 

mappa sito  

link

 

 

Valid Feed RSS 2.0